I migliori prodotti per la coltivazione della cannabis del 2021

Negozio dove è possibile acquistare tutti i prodotti relativi alla coltivazione, al trattamento e alla cura della marijuana.

Prodotti per la coltivazione di marijuana

Vuoi iniziare nel mondo della coltivazione della marijuana ma non sai davvero di cosa hai bisogno? Da Growshop Cogolandia consigliamo di iniziare con la coltivazione di marijuana indoor poiché le condizioni saranno molto più facili da controllare. Ecco di cosa hai bisogno per iniziare a coltivare erba oggi.

coltivazione di marijuana indoor

Quanto tempo ci vuole per coltivare cannabis

Per coloro che stanno iniziando nel mondo della coltivazione della cannabis, viene in mente una domanda: quanto tempo ci vuole per coltivare la marijuana in casa. La risposta è abbastanza semplice, tre mesi.

In questo articolo spieghiamo l'elenco delle attività che dovresti preparare per coltivare perfettamente la marijuana. Un calendario aiuta i coltivatori ad organizzarsi ea sapere quando prepararsi per realizzarlo.

È un elenco di attività con le routine necessarie e i punti più importanti da affrontare durante il ciclo di vita del raccolto. Ci vuole tempo per mantenere un interno condizionato e sarà necessario dedicare ore all'installazione della stanza di coltivazione.

In definitiva, un coltivatore dovrebbe impiegare circa 20 minuti al giorno per mantenere il giardino in buone condizioni.

Di cosa hai bisogno per coltivare marijuana in casa?

Hai preso la decisione e vuoi iniziare nel mondo della coltivazione della marijuana o forse controlli già l'argomento ma vuoi passare alla modalità indoor ma sei un po 'perso sulle cose essenziali di cui hai bisogno. Dotandoti di questo puoi iniziare a piantare senza problemi:

  • Semi: ottieni semi di cannabis di qualità. Se vuoi, puoi visitare il nostro growshop online www.cogolandia.com e scegliere quelli che più ti piacciono. Se vuoi garantire la germinazione di tutti i semi e non sprecare denaro, puoi procurarti un germinatore di semi di marijuana.
  • Suolo: per il corretto sviluppo della tua pianta di marijuana è necessario utilizzare il substrato appropriato, in questo modo la pianta riceverà i nutrienti di cui ha bisogno. A Cogolandia abbiamo una selezione di circa 20 diverse marche di substrati per la coltivazione della marijuana. Nel caso di optare per diversi sistemi di coltivazione come l'idroponica o l'aeroponica, avrai bisogno di un diverso tipo di attrezzatura, ma questo è già un mondo a parte.
  • Tenda da coltivazione: raccomandiamo personalmente di avere una tenda da coltivazione per marijuana, puoi controllare meglio la temperatura e l'umidità dello spazio rispetto a quando coltivi in ​​una stanza intera.
  • Luce: le piante di marijuana nella loro fase di crescita devono seguire un periodo di luce-buio, ovvero 18 ore di luce e 6 ore di buio. Per questo motivo abbiamo bisogno di un buon kit di illuminazione che abbia almeno un alimentatore, una lampadina e un riflettore.
  • Aria: avrete bisogno di un estrattore per rimuovere l'aria viziata dal raccolto, per questo avrete bisogno anche di un tubo per guidare l'aria. Pensa che le tue piante maria sono un essere vivente e hanno bisogno di aria fresca e pulita per crescere e dare grandi cime. Si consiglia inoltre vivamente di utilizzare un ventilatore per creare la circolazione dell'aria.

Dotandoti di questo, avrai le basi per iniziare a coltivare cannabis indoor, anche se tutto è una questione di gusti e puoi espandere l'attrezzatura con mille altre cose come jiffis per germinare semi e talee, un timer per l'illuminazione, microscopi per controllare il THC, pompe e gocciolatori per irrigazione, misuratori di pH, termometri e misuratori di C02 ...

Kit di coltivazione per marijuana indoor

Al growshop Cogolandia vogliamo rendere le cose facili per quelli di voi che stanno iniziando, ecco perché offriamo i nostri kit di grow closet indoor. A partire da € 219, con il nostro kit base, avrai tutto il necessario per iniziare a piantare. E, se vuoi specializzarti nella coltivazione indoor, abbiamo anche la nostra tenda da coltivazione indoor Dark Box. Questo armadio è costruito con materiali di ultima tecnologia e quindi ha caratteristiche che lo rendono unico nel mercato.

Come coltivare marijuana in un armadio e non morire provandoci

Se vuoi coltivare marijuana all'interno della tua casa, ora è il momento di considerare di imparare a coltivare il cannabi in un armadio. Il modo migliore per farlo e non morire provandoci è optare per le tende da coltivazione.

Come coltivare marijuana in un armadio

Coltivare marijuana in una tenda da coltivazione è una soluzione molto comune. Gli armadi sono facili da nascondere, molto discreti e inoltre non richiedono alcun lavoro o condizionamento degli spazi. Sono già progettati specificatamente per le loro funzioni.

Gli armadi per la coltivazione della cannabis risolvono anche molti problemi di spazio per coltivare maria, poiché consentono di controllare umidità e temperatura senza grandi ventilatori o estrattori di umidificazione. Offrono anche un grande risparmio di denaro, oltre a consentirti di risparmiare spazio.

Quando la luce non fuoriesce, consentono un migliore utilizzo dell'energia per ottimizzare la bolletta elettrica. Per questo motivo, gli investimenti in queste apparecchiature sono generalmente abbastanza redditizi, sebbene siano necessarie altre cose, che possono essere risolte con alcuni kit di coltura.

Come far crescere Maria in un armadio?

Oltre ad avere un buon armadio in crescita e l'attrezzatura giusta e alcuni buoni semi di cannabis, devi conoscere le condizioni di crescita e come farlo.

Illuminazione per coltivazione di marijuana in armadi

L'illuminazione crescente è la chiave per ottenere buoni risultati, quindi le luci e la potenza giuste sono necessarie per l'armadio. Inoltre, è necessario impostare le ore giornaliere di luce e buio da utilizzare.

Dovresti anche valutare l'umidità e la temperatura nell'armadio per un corretto sviluppo delle tue piante di marijuana, monitorando i valori ogni giorno. La temperatura non deve scendere sotto i 17 o superare i 31 gradi. L'umidità relativa dovrebbe essere compresa tra il 40 e il 60%, anche se a volte può superare l'80%.

Una volta pronti l'armadio, il sistema di ventilazione e le apparecchiature di illuminazione, è tempo di crescere. Per fare questo, la varietà di marijuana desiderata viene scelta e alimentata con il substrato e il fertilizzante appropriati.

Dopo aver germinato i semi, possono essere messi nell'armadio nel modo più appropriato possibile. Dopo 5 giorni in piccoli vasi, possono essere passati a quelli più grandi. Dobbiamo anche pagarli e fare una corretta manutenzione in modo che nascano sani. È anche necessario conoscere il momento preciso in cui tagliarli e prepararli.

Sapere come coltivare la marijuana in un armadio è molto più facile ed efficace di quanto possa sembrare, anche se ci vuole del tempo prima che ti ci abitui e lo faccia bene.

Calendario per coltivare marijuana.

Se coltiviamo indoor, il nostro calendario può iniziare il mese che vogliamo. È meglio iniziare il raccolto il giorno 1, per controllare meglio il tempo. Tuttavia, non ci sarebbero problemi a iniziare un altro giorno, purché abbiamo un controllo.

Come abbiamo già detto, la coltivazione della marijuana richiederà tre mesi. Due settimane per la radicazione delle talee, due settimane per la crescita vegetativa e circa otto settimane per la fioritura delle piante. Questa volta può cambiare in base alle varietà di marijuana. In questo articolo ci concentreremo su questo intervallo di tempo tra le fasi ma, come abbiamo detto, è indicativo.

Primo mese:

La prima settimana sarà dedicata al radicamento delle talee e alla semina dei semi. Faremo in modo che siano caldi per germogliare rapidamente.

Inoltre, regoleremo il timer della stanza della cultura per accendere le luci 18 ore al giorno e tenerle spente per 6 ore.

Dobbiamo stare attenti con la terra. Inoltre, l'umidità presente nell'ambiente può causare la comparsa di muffe.

Secondo mese:

Le nostre piante dovrebbero misurare tra i 15-30 cm e le foglie dovrebbero essere larghe, verdi e sode.

Continueremo con il programma di fertilizzanti e posizioneremo le lampade tra 30 e 90 cm di distanza.

Trapianteremo le piante in vasi più grandi e acqua quanto necessario.

Durante il secondo mese inizia il periodo di fioritura. Cambieremo il fertilizzante e ne useremo uno specifico per questo ciclo.

Il fotoperiodo è di 12 ore e le nostre piante dovrebbero essere alte tra 30 e 60 cm.

A questo punto, l'irrigazione eccessiva può essere un problema quando si coltiva cannabis indoor. Controlleremo il terreno con un misuratore di umidità.

Adesso possono apparire carenze di ferro, magnesio e azoto. Si consiglia di applicare una miscela supplementare di microelementi.

coltivare marijuana

Terzo mese:

Le piante misureranno tra 45 e 90 cm e dovrebbero mostrare pistilli bianchi.

È tempo di prendere le talee per il prossimo raccolto.

È molto importante controllare l'umidità, la ventilazione e la circolazione dell'aria.

Osserveremo come la terra si asciuga rapidamente e possiamo potare le piante che ombreggiano gli altri.

Siamo al momento della più grande produzione di THC. Nelle prossime settimane, i germogli raddoppiano la loro potenza e dimensione.

Le foglie bianche tendono a ingiallire, quindi le rimuoveremo. Inoltre, è l'ultima opportunità di polverizzare e concimare se vogliamo raccogliere in un paio di settimane.

Pagheremo con alcuni prodotti per l'ingrasso. Ispezioneremo la muffa grigia tra i germogli. Siamo nel momento di una maggiore resina tra i boccioli. Le nostre piante stanno raggiungendo la maturità.

Se la produzione è pronta, è tempo di raccogliere. Da questo momento in poi, il livello di THC inizia a diminuire, quindi non impiegare molto per iniziare a raccogliere se vuoi che la tua marijuana abbia qualità.

Con questa guida, avrai tutto organizzato per sapere cosa fare in ogni momento.

Elenco delle attività settimanali per coltivare cannabis

Oltre a questo calendario in crescita che hai appena letto, è anche importante avere un elenco settimanale di compiti a casa per scoprire se tutto sta andando bene.

Sarebbe consigliabile che, ogni giorno, verificare che non vi siano problemi all'interno. Per fare ciò, presteremo attenzione a quanto segue:

  1. Presa d'aria
  2. Circolazione dell'aria
  3. Umidità: 40-50%
  4. Temperatura: 21-24 ° C al giorno; 13-16ºC di notte
  5. Umidità della terra
  6. Abbi cura della terra
  7. Controlla il PH
  8. Trasforma le piante
  9. Monitora la presenza del ragno rosso
  10. Controlla se mancano nutrienti
  11. Applica il piano di fecondazione
  12. Controlla l'illuminazione
  13. Distanza di 30-90 cm sopra le piante
  14. Mantieni l'interno ben pulito

Pianta la cannabis all'aperto. Come farlo

Piantare marijuana all'aperto è un processo molto semplice ed economico per coloro che vogliono iniziare in questo mondo. In questo articolo spiegheremo i passaggi da seguire in modo che tu possa piantare correttamente e ottenere il massimo dal tuo raccolto.

Quando dovrei piantare marijuana? Guarda la luna

Come per la gravidanza, la marea o l'umore delle persone, anche la luna ha una grande influenza sull'agricoltura e sulla coltivazione di tutte le piante, come nel caso della cannabis e della germinazione dei semi di marijuana.

I calendari lunari, basati sul rotazioni  e fasi lunari, furono create per conoscere le date più adatte per eseguire l'opera di coltivazione in relazione alla situazione della stella.

Guardare la luna ti aiuterà a sapere quando piantare la marijuana

La fase lunare è un ciclo che si ripete ogni 30 giorni circa, e che influenza la pianta e il ciclo di salire e scendere della sua linfa.

L'efficacia di questo tipo di calendari è così grande che ancora oggi si usa per conoscere le migliori date su cui potare, seminare e raccogliere.

In questo modo, grazie alla luna, possiamo sapere esattamente qual è il processo da seguire per un raccolto corretto e non morire provandoci.

Se lo usiamo correttamente, il calendario lunare per coltivare cannabis è molto efficace e, inoltre, facile da capire, perché si basa sulle quattro fasi lunari conosciute da tutti: luna nuova, luna crescente, luna piena e luna calante.

Lunar-phase-Seed-Marijuana

La luna piena è, delle quattro fasi, la più riconoscibile, poiché risplende perfettamente nel cielo. Questo periodo è il più appropriato per la raccolta, la concimazione e la semina, evitando sempre la potatura, poiché i nutrienti nella linfa andrebbero persi e le nostre piante potrebbero morire.

Con la luna calante continueremo con il lavoro che abbiamo iniziato con la luna piena. Durante questo periodo la crescita della nostra pianta è più lenta, quindi si consiglia di trapiantare i vasi.

Durante la luna nuova avremo meno luce di notte, e svolgeremo attività diverse dal diserbo, poiché la linfa è concentrata nella radice. Allo stesso modo il potere germinativo è minimo e, inoltre, è una delle fasi più sensibili per la parte inferiore della pianta.

Infine, la falce di luna è considerata responsabile della crescita delle piante. È il momento migliore per seminare, prestando particolare attenzione a farlo due o tre giorni prima di entrare nel plenilunio, poiché il periodo in cui la linfa sale alla sommità della pianta, favorendone la crescita, la fioritura e la maturazione.

Marihuana-moon-Processi-Seeds

Calendario lunare 2016

Per piantare all'aperto, la prima cosa da tenere a mente sono i semi di cannabis che crescerai. È molto importante che ti informi di ciascuno e della sua origine, poiché il risultato che cerchiamo dipenderà da esso.

semi di cannabis

Una volta che sappiamo quali semi di cannabis useremo, possiamo metterci al lavoro.

Anche se pianteremo all'aperto, la nostra raccomandazione è di germinare i semi all'interno della casa. Perché? Perché è più sicuro e perché saranno rafforzati prima di piantarli alla luce naturale. Ciò garantirà che i semi crescano forti e sani.

Trova il posto giusto

Mentre i semi di cannabis crescono (li avremo a casa per circa due settimane) cercheremo il posto giusto per piantarli. Questo sito dovrebbe essere il più nascosto e possibile lontano dalla vista dei più curiosi.

Ovviamente, se stiamo per piantare sulla nostra terrazza, non è necessario cercare un posto nascosto. In questo caso, quando i nostri semi saranno germinati, li trapianteremo in vasi più grandi. I vasi che utilizzeremo dureranno 45 litri per l'intero ciclo colturale.

La marijuana è una pianta che mangia la luce. Quindi più luce solare hai, più germogli offrirai.

Trapianta i nostri semi di cannabis

Trapiantare i semi di marijuana nei vasi è molto semplice. Per fare questo, utilizzeremo un substrato fertilizzato di qualità, completo di additivi che puoi trovare nel nostro Grow Shop.

D'ora in poi, ci assicureremo che il substrato sia sempre bagnato e lo irrigeremo costantemente. Allo stesso modo, è consigliabile spruzzare le piante con olio di neem, un repellente per insetti naturale e infallibile.

A seconda della varietà che abbiamo piantato, le piante impiegheranno più o meno tempo a crescere. Di solito lo fanno per XNUMX-XNUMX mesi.

Manutenzione degli impianti

Le nostre pantas all'aperto non avranno bisogno di molta cura all'inizio per crescere. Acqua e sole sono ciò che vorranno.

Man mano che crescono, controlleremo il PH dell'acqua per sapere se tutto è corretto o se manca di nutrienti.

Durante la crescita, le piante di marijuana dovrebbero segnare un pH tra 5,5 e 5,8. Useremo un fertilizzante per la crescita con alti livelli di azoto.

Con tutto ciò, assicureremo che le nostre piante crescano perfettamente durante la loro fase.

La fioritura dei semi di cannabis

Normalmente, il 24 giugno, quando la giornata inizierà ad accorciarsi, le nostre piante inizieranno a fiorire.

Un mese dopo la fioritura, saremo quasi alla fine della nostra coltivazione. Pertanto, 15 giorni prima di iniziare a tagliare le piante, laveremo il terreno con abbondante acqua per rimuovere i nutrienti che potrebbero rimanere.

Fino al giorno del raccolto, terremo le nostre piante solo con acqua e, quando andremo a tagliarle, ci assicureremo che il terreno sia asciutto. In questo modo, non rischieremo la decomposizione delle gemme.

Dopodiché, sarà il momento di essiccare e curare la marijuana per godere di una buona fumata.

Come pianteremo marijuana in SCROG

Piantare maria in SCROG significa massimizzare la produzione e risparmiare tempo di lavoro. È un sistema perfetto per coltivare indoor con il minor numero di piante ma con ottimi risultati.

SCROG viene dall'inglese e significa "schermo verde", ecco perché una griglia viene utilizzata per far crescere le piante attraverso di essa. L'idea è di riempire tutti gli spazi di questa griglia, in modo che tutte le piante ricevano la stessa quantità di luce.

In questo post spiegheremo come coltivare la marijuana in SCROG in pochi semplici passaggi.

Con questo sistema controlleremo l'altezza delle piante e, con questo, potremo aumentare la qualità del nostro raccolto. Poiché a tutte le piante viene data la stessa quantità di luce, non ci saranno differenze tra loro e avranno tutte una qualità eccellente.

coltivare marijuana in scrog

Coltivare la cannabis in SCROG ci fa risparmiare tempo di crescita

Per crescere in SCROG useremo la nostra griglia per questa tecnica, che puoi trovare nel nostro negozio online, e la posizioneremo a circa 30 centimetri sopra i vasi.

Se abbiamo un armadio per la coltivazione della marijuana di un metro quadrato, è consigliabile utilizzare un massimo di cinque piante di marijuana. Non per più piante, i risultati saranno migliori. Tieni presente che tutte le tue piante avranno lo stesso trattamento sulla rete.

Se decidiamo di utilizzare una sola pianta in questo sistema, è consigliabile utilizzare un vaso da 25 litri. Se, al contrario, utilizziamo più piante, opteremo per vasi da 11 litri.

Una volta che le piante raggiungono la griglia, possiamo spostarle per crescere orizzontalmente. Questo è l'obiettivo di coltivare marijuana in Scrog; limitare la crescita verticale e migliorare l'orizzontale.

Le varietà Sativa sono quelle che si adattano meglio alla tecnica SCROG, poiché possiamo gestire i loro steli più facilmente. Da parte loro, le indica mostrano maggiore resistenza quando si tratta di maneggiarle.

Quando posizioniamo la griglia, devi tenerla bene, perché è quella che terrà le piante.

Come abbiamo discusso, coltivare marijuana in SCROG ci farà risparmiare tempo durante la fase di crescita. Con questo intendiamo che otterremo una produzione inferiore ma una qualità superiore.

Come regola generale, una pianta coltivata con questa tecnica impiega dalle cinque alle sette settimane per raggiungere la maglia. Se usiamo più piante, copriranno le maglie settimane prima.
grown-marijuana-en-scrog-3

Quando fioriscono le piante?

Ovviamente la fioritura di ogni pianta dipenderà da ogni varietà. Se abbiamo coltivato le Sativa, sarà più facile, poiché il periodo di fioritura inizierà quando avremo coperto il 60% della maglia.

D'altra parte, le indica iniziano a fiorire quando circa il 75% della griglia è coperto. Questo perché questa varietà cresce meno durante il ciclo di fioritura.

Sebbene questo sistema sia più adatto all'uso in interni, è anche possibile installarlo all'aperto. Ovviamente, la rete dovrà essere legata ad una struttura per sostenere il peso delle piante.

È vero che coltivare marijuana in SCROG ha i suoi vantaggi, sebbene ci siano anche alcuni svantaggi da considerare. Uno di questi è la riduzione del numero di raccolti, come abbiamo già detto. Tuttavia, dobbiamo anche rimanere vigili per la presenza di funghi a causa della mancanza di ventilazione. Pertanto, dovremo osservare la nostra produzione con cautela e applicare regolarmente preventivi.

Trucchi per coltivare marijuana in inverno

In Spagna, specialmente nell'area del Mediterraneo e nell'arcipelago delle Canarie, abbiamo un clima non molto freddo durante i mesi invernali. Per questo motivo, molti coltivatori hanno il coraggio di coltivare marijuana in inverno. È un modo molto diverso di coltivare quando lo facciamo per il resto dell'anno, poiché le piante hanno bisogno di un altro trattamento. Una volta che sappiamo come farlo, non avremo problemi a crescere nei mesi più freddi.

In questo articolo spiegheremo come coltivare la marijuana in casa e rendere la produzione un successo.

La prima cosa che dobbiamo prendere in considerazione è la temperatura della stanza di crescita.

Quando coltiviamo al chiuso e in inverno, dobbiamo prestare particolare attenzione alla temperatura, uno dei fattori determinanti nel ciclo di vita delle nostre piante.

Ogni pianta ha bisogno di una temperatura adeguata per svilupparsi. La marijuana, in sostanza, deve avere una temperatura compresa tra 24 e 30 ° C durante il giorno e tra 18 e 22 ° durante la notte. Se, al contrario, la temperatura notturna diminuisce, la crescita delle piante ne risentirà.

Coltivazione di marijuana in inverno: precauzioni

Ciò di cui dobbiamo essere chiari è che se la temperatura scende sotto i 16 ° C, le radici non la trattengono e la pianta non cresce. Le foglie possono sopportare un minimo di freddo, ma se le radici sono fredde, saluta il raccolto.

Durante le prime due settimane del ciclo di fioritura, è molto importante che non ci sia molta differenza tra le temperature diurne e notturne, poiché è il momento in cui le piante si allungano. Si consiglia di non superare i 4 gradi di differenza.

Quando un auto-coltivatore coltiva marijuana in inverno, di solito non disconnette i bulbi di notte e li spegne durante il giorno. Questo perché di giorno le temperature tendono ad essere più alte di quelle notturne.

Cioè, inganna le piante con il fotoperiodo. Li fa credere che la notte è giorno e il giorno è notte.

coltivare marijuana in inverno

Tuttavia, spesso accade che le temperature diurne non siano abbastanza elevate da creare l'ambiente notturno (ovvero mantenere 18-22 ° C). Se ciò accade a noi, è meglio utilizzare un riscaldatore per avere il calore corrispondente.

Se hai bisogno di una stufa, è consigliabile avere anche un termostato per controllare la temperatura ambiente.

Coltivare indoor durante l'inverno sotto lampade al sodio facilita la produzione. Le piante si sviluppano molto rapidamente e offrono ottimi risultati. Qualunque sia il mese, la cannabis si comporterà come se fosse estate poiché forniamo loro il clima per svilupparsi.

Il vantaggio della coltivazione di marijuana in inverno è che non è essenziale utilizzare l'aria condizionata, non come in estate.

In breve, se inganniamo le piante con la luce, possiamo anche farle fiorire in inverno.